Troppa abbondanza per il Kenya! Nuovo grattacapo per i selezionatori olimpici dopo Valencia

 

Valencia half marathon in a world record time winner Kibiwott Kandie (left) with Valencia marathon in course record times women and men's winners Peres Jepchirchir (center) and Evans Chebet display their trophies during the reception by Athletics Kenya at Riadha House, Nairobi on December 8, 2020. PHOTO LUCY WANJIRU

Valencia half marathon in a world record time winner Kibiwott Kandie (left) with Valencia marathon in course record times women and men’s winners Peres Jepchirchir (center) and Evans Chebet display their trophies during the reception by Athletics Kenya at Riadha House, Nairobi on December 8, 2020. PHOTO LUCY WANJIRU

 

Per i selezionatori olimpici kenioti, è un bel dilemma che forse tante nazioni vorrebbero avere…!

I nuovi detentori dei record della maratona di Valencia dello scorso fine settimana stanno ora piantando la tenda negli uffici del “Team Kenya”, alla ricerca di biglietti per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

Il neo primatista mondiale della mezza maratona, Kibiwott Kandie, dice che vuole emulare il suo modello e compagno d’armi, il leggendario Paul Tergat, sia su strada che in pista, e vuole un biglietto per competere nei 10.000 metri in  pista a Tokyo il prossimo anno.

Kandie ha battuto il record mondiale del connazionale Geoffrey Kamworor nei 21 chilometri vincendo la Mezza Maratona di Valencia in 57 minuti e 32 secondi, tagliando quasi 20 secondi rispetto al record di Kamworor.

Nel frattempo, la detentrice del record mondiale di mezza maratona  Peres Jepchirchir ed Evans Chebet, che hanno vinto le gare di maratona femminile e maschile a Valencia, con tempi record, sono  fiduciosi che l’Atletica Kenya prenderà in considerazione il loro stato di forma e li prenderà in considerazione per entrare nella  squadra di maratona per Tokyo.

Jepchirchir ha ottenuto il quinto miglior tempo di sempre nella maratona vincendo la gara femminile in 2:17:16, mentre Chebet ha realizzato il sesto miglior tempo nella maratona maschile vincendo la gara maschile in 2:03:00.

Kandie, Jepchirchir e Chebet hanno parlato oggi, martedì,  alla Riadha House, dove l’Atletica Kenya li ha ospitati al loro ritorno da Valencia.

Nel contingente c’erano anche la medaglia di bronzo della maratona mondiale Amos Kipruto, che è arrivato terzo a Valencia con un record personale 2:03:30, Alexander Mutiso,  quinto nella mezza maratona.

“Il mio prossimo grande piano è quello di essere alle Olimpiadi e voglio tentare la fortuna nei 10.000. So che non sarà facile ma lavorerò sodo per raggiungerlo. È possibile se mostro impegno e mi alleno con costanza”, ha detto il 24enne Kandie, determinato a seguire le orme della leggenda Tergat.

Tergat, presidente del Comitato Olimpico Nazionale del Kenya, è stato il primo uomo a battere tre volte il record mondiale di mezza maratona e il secondo uomo a vincere cinque volte il titolo maschile senior ai Campionati mondiali di cross country.

Ha vinto due medaglie d’argento nei 10.000 metri alle Olimpiadi del 1996 e 2000, nonché ai Campionati del mondo del 1997 e del 1999. Tergat ha vinto i titoli mondiali di mezza maratona del 1999 e del 2000.

“Veniamo dalla stessa contea di Baringo e la gente dice che abbiamo stili di corsa simili e io dico che siamo come padre come figlio. Voglio davvero seguire le sue orme “, ha detto Kandie, che vuole abbassare ulteriormente il record del mondo e cercare di portarlo  a 56 minuti.

Jepchirchir ha detto che il rinvio delle Olimpiadi ha rappresentato una grande opportunità per lei per cercare un biglietto nella squadra della maratona anche se AK aveva già nominato i convocati.

“Volevo correre 2:17 a Berlino per avere una possibilità alle Olimpiadi, ma la gara è stata annullata. Spero che dopo  Valencia  il mio caso venga preso in considerazione “, ha detto Jepchirchir, che intende abbassare il suo record personale in una delle major mondiali della maratona il prossimo anno.

 

Troppa abbondanza per il Kenya! Nuovo grattacapo per i selezionatori olimpici dopo Valenciaultima modifica: 2020-12-08T20:10:55+01:00da atleticanotizie
Reposta per primo quest’articolo

Leave a Reply