Sha’Carri Richardson confessa: “ho provato a suicidarmi, era tutto buio”

sha-carri-330bb40ceccb47759d21205be92fb99d-compressed

 

Il Mondiale di Budapest, che prende il via il 19 agosto, vede tra i suoi protagonisti Sha’Carri Richardson. La  23enne americana che a 19 anni è entrata nella storica Top Ten dei 100 metri femminili, gareggerà  per essere incoronata “donna più veloce del mondo”. Tuttavia, anche se ora le è tornato il sorriso, così non era quando ha perso le Olimpiadi di Tokyo a causa del consumo di cannabis.

Nel corso della sua carriera, la giovane atleta è andata incontro a vari guai che l’hanno portata anche ad avere infiniti detrattori. Arrivò persino ad attaccare i membri dell’equipaggio di un aereo , dal quale finì per essere espulsa. 

Sebbene tutte le critiche che ha ricevuto l’abbiano colpita psicologicamente, ciò che ha danneggiato maggiormente la sua salute mentale è stata la perdita della madre , per la quale è arrivata persino a mettere in discussione la sua vita e ad avere pensieri suicidi.

“Perdere quel legame con mia madre mi ha davvero devastato. Doveva essere il mio mondo e se n’era andata. E io ero tipo, ‘ Perché sono qui allora?’ Questa vicenda mi ha davvero portato in un posto molto oscuro… e ho cercato di suicidarmi”, ha rivelato ora l’atleta, che ha perso la madre nel 2021, lo stesso anno in cui è stata punita e non ha potuto prendere parte  alle Olimpiadi di Tokyo.

Tuttavia, l’affetto di sua zia Shayaria ha avuto più peso in Sha’Carri Richardson: ” Le dicevo sempre: ‘Hai intenzione di lasciarmi anche tu?’ Mi ha detto di no, che avrei sempre avuto una famiglia e fino ad ora non mi ha mai lasciato. Sapevo di averne bisogno di affetto e quando me l’ha dato, ho capito che la mia vita si era trasformata”.

Sha’Carri Richardson confessa: “ho provato a suicidarmi, era tutto buio”ultima modifica: 2023-08-07T13:02:17+02:00da atleticanotizie
Reposta per primo quest’articolo