Tobi Amusan potrebbe difendere il suo oro mondiale nei 100 ostacoli nonostante sia provvisoriamente sospesa

 

16918584248286-compressed

 

La nigeriana Tobi Amusan, uno delle grandi protagonisti ai Mondiali dello scorso anno a Eugene con il suo impressionante record mondiale (12.12) nei 100 ostacoli , sarà finalmente in campo a Budapest dopo aver ricevuto l’autorizzazione da World Athletics a gareggiare nonostante sia provvisoriamente sanzionato per aver saltato tre controlli antidoping in un anno .

Amusan aspettava un permesso provvisorio che finalmente è arrivato in attesa che la sua approvazione si concretizzasse o venisse definitivamente annullata. La nigeriana aveva già assicurato sui social di essere una “atleta pulita”.

“Sono un atleta pulita e ho superato regolarmente (forse più del solito) i test dell’unità di integrità atletica leggera (AIU). Sono stata testata pochi giorni dopo il mio terzo ‘test fallito’. Confido che questo si risolverà a mio favore e che ad agosto parteciperò ai Mondiali. Nel frattempo chiedo rispetto per la mia vita privata mentre preparo le mie argomentazioni prima dell’arbitrato”, ha detto l’africana dopo aver appreso della sanzione provvisoria.

Amusan non gareggia dal 18 luglio, quando vinse il Gyulai István Memorial in Ungheria con il tempo di 12.35, appena un centesimo in più del suo miglior tempo stagionale (12.34) .

La nigeriana è quarta nella classifica mondiale dell’anno , classifica che vede in testa la statunitense Nia Ali con 12.30 (0.6) . Amusan ha prevalso nella finale di Eugene 2022 con un crono  ventoso (2.5) di 12.06, precedendo di 17 centesimi la giamaicana Britany Anderson e la portoricana e la campionessa olimpica Jasmine Camacho-Quinn .

Tobi Amusan potrebbe difendere il suo oro mondiale nei 100 ostacoli nonostante sia provvisoriamente sospesaultima modifica: 2023-08-12T19:27:03+02:00da atleticanotizie
Reposta per primo quest’articolo