Noah Lyles risponde alle “Frecciate” di Fred Kerley per la pretesa di favoritismo nella staffetta 4x400m ai Campionati mondialiIndoor

43172fd8-cead-4a0c-ba46-f1df10f8e076-compressed

 

 

Noah Lyles ha risposto al rivale Fred Kerley il quale  affermava che Lyles è favorito dalla federazione statunitense, da qui la sua inclusione nella staffetta 4×400 m ai Campionati mondiali indoor.

Il pluricampione del mondo Noah Lyles ha respinto l’affermazione di favoritismo di Fred Kerley dopo che l’ex campione del mondo dei 100 metri ha affermato che il suo rivale su pista non meritava un posto nella staffetta 4×400 metri del Team USA ai Campionati mondiali indoor 2024.

Lyles faceva parte della squadra statunitense che ha vinto l’argento a Glasgow domenica, nella terza frazione, dopo Jacory Paterson e Mathew Boling, prima di passare il testimone a Christopher Bailey nella finale di domenica.

Tuttavia, in una serie di post sui social media, un amareggiato Kerley ha criticato l’atletica leggera statunitense per quello che ha definito favoritismo nei confronti di Lyles, sostenendo che gli atleti sono  trattati come “burattini”.

La tesi di Kerley è che Lyles non ha esperienza nei 400 metri e non avrebbe dovuto essere incluso nella squadra a scapito di specialisti come lui e Kenny Bednarek che hanno precedentemente espresso interesse a correre le staffette 4×400  a Parigi 2024 senza successo.

Ma Lyles si è affrettato a rispondere, suggerendo che il suo rivale in pista è semplicemente amareggiato perché non è riuscito a soddisfare gli standard.

“Potrebbe essere qui, ma non lo è. Se è arrabbiato, venisse qui”, ha detto Lyles ai media dopo la finale di domenica.

Lyles ha espresso interesse a correre la staffetta 4x400m oltre ai 100m, 200m e 4x100m alle Olimpiadi di Parigi 2024 e ha utilizzto i Campionati Indoor per testare le sue capacità prima di intraprendere un allenamento adeguato.

Anche la leggenda statunitense dello sprint Michael Johnson, ex detentore del record dei 400 metri e campione olimpico, aveva difeso la decisione di avere Lyles in gara, dicendo che non solo gli avrebbe dato esperienza in vista dei Giochi di Parigi, ma avrebbe anche aiutato la “debole” squadra statunitense .

“Gli Stati Uniti mettono Noah nella staffetta 4×400 ha senso. La squadra statunitense dei 400 indoor è debole. Nessun finalista nei 400 open. Noah ha espresso il desiderio di correre entrambe le staffette a Parigi. Questa è un’opportunità per lui di dimostrare se lo merita”, ha pubblicato Johnson su X.

Questo è successo dopo che Kerley è entrato online, facendo irruzione nell’atletica leggera degli Stati Uniti con alcune imprecazioni.

“Amico, ti dico che negli ultimi 3 anni abbiamo chiesto di essere in quella fot…a trama olimpica, tutti voi burattini, non c’è via di mezzo”, ha pubblicato un Kerley arrabbiato su X domenica.

“US Track and Field, tutti voi giocate a quel favoritismo come mf. A tutti voi piacciono i burattini. Sicuramente sì”, ha aggiunto in un altro post.

L’ultimo sviluppo inasprirà ulteriormente il rapporto tra i due velocisti in vista delle Olimpiadi di Parigi con Lyles che lo scorso anno è succeduto a Kerley come campione del mondo dei 100 metri.

 

Noah Lyles risponde alle “Frecciate” di Fred Kerley per la pretesa di favoritismo nella staffetta 4x400m ai Campionati mondialiIndoorultima modifica: 2024-03-04T17:16:51+01:00da atleticanotizie
Reposta per primo quest’articolo